1 Febbraio 2016

Superbollo: versamento
Chi: Soggetti che risultino proprietari, usufruttuari, acquirenti con patto di riservato dominio, ovvero utilizzatori a titolo di locazione finanziaria di autovetture e di autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose con potenza superiore a 185 Kw con bollo scadente a dicembre 2015 e residenti in Regioni che non hanno stabilito termini diversi
Cosa: Pagamento dell’addizionale erariale alla tassa automobilistica (c.d. superbollo), pari a venti euro per ogni kilowatt di potenza del veicolo superiore a 185 Kw, ridotta dopo cinque, dieci e quindici anni dalla data di costruzione del veicolo rispettivamente al 60%, al 30% e al 15%. Non è più dovuta decorsi venti anni dalla data di costruzione
Modalità: Mediante modello F24 – Versamenti con elementi identificativi, con esclusione della compensazione, con modalità telematica per i titolari di partita Iva ovvero presso Banche, Poste, Agenti della riscossione o mediante i servizi di pagamento on-line per i non titolari di partita Iva
Codici Tributo:
3364 – Addizionale Erariale alla tassa automobilistica
Imposta sulle assicurazioni: versamento
Chi: Imprese di assicurazione
Cosa: Versamento dell’imposta dovuta sui premi ed accessori incassati nel mese di dicembre 2015 nonché gli eventuali conguagli dell’imposta dovuta sui premi ed accessori incassati nel mese di novembre 2015
Modalità: Modello F24-Accise con modalità telematiche
Codici Tributo:
3354 – Imposta sulle assicurazioni – Erario – Art. 4-bis, comma 5 e art. 9, comma 1 della legge 29 ottobre 1961, n. 1216.
3356 – imposta sulle assicurazioni RC auto – Province”
3357 – contributo al SSN sui premi di assicurazione RC auto”
3358 – contributo al SSN sui premi di assicurazione per RC auto – Friuli Venezia Giulia
3359 – contributo al SSN sui premi di assicurazione per RC auto – Trento”
3360 – contributo al SSN sui premi di assicurazione per RC auto – Bolzano”
3361 – contributo al Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell’usura – aumento aliquota
Versamento tasse annuali sulle concessioni governative
Chi: Soggetti tenuti al pagamento delle tasse annuali sulle Concessioni Governative
Cosa: Versamento delle tasse annuali sulle Concessioni Governative
Modalità: Modello F23 presso Banche, Agenzie postali o Agenti della riscossione o bollettino di c/c/p presso le Agenzie Postali
Codici Tributo:
711T – Tasse sulle CC.GG. escluse quelle per porto d’armi
742T – Tasse CC.GG. per porto d’armi
746T – Tasse CC.GG. per porto d’armi – Addizionale
Versamento canone RAI per i soggetti non titolari di utenza per la fornitura di energia elettrica
Chi: Titolari di abbonamento alla radio o alla televisione che non siano intestatari di utenza per la fornitura di energia elettrica
Cosa: Versamento del canone annuale o della rata trimestrale o semestrale. N.B.: Per i titolari di utenza di fornitura di energia elettrica il pagamento del canone avviene in dieci rate mensili, addebitate sulle fatture emesse dall’impresa elettrica aventi scadenza del pagamento successiva alla scadenza delle rate
Modalità: Presso le Agenzie Postali con apposito bollettino postale c/c 3103 oppure presso i rivenditori di generi di monopolio autorizzati (tabaccherie) oppure tramite Bancomat oppure tramite carta di credito utilizzando servizi via internet
Bollo auto: versamento
Chi: Proprietari di autoveicoli con oltre 35 Kw con bollo scadente a dicembre 2015 residenti in Regioni che non hanno stabilito termini diversi
Cosa: Pagamento tasse automobilistiche (bollo auto)
Modalità: Presso le Agenzie Postali con apposito bollettino di C/Cp, presso gli Uffici dell’A.C.I., le tabaccherie o le agenzie di pratiche auto
Enti non commerciali e agricoltori esonerati: versamento IVA relativa ad acquisti intracomunitari
Chi: Enti non commerciali di cui all’art. 4, quarto comma, del D.P.R. n. 633/1972 e agricoltori esonerati di cui all’art. 34, sesto comma, dello stesso D.P.R. n. 633/1972 N.B. Sono tenuti a quest’adempimento sia gli enti non commerciali non soggetti passivi d’imposta sia quelli soggetti passivi Iva, limitatamente alle operazioni di acquisto realizzate nell’esercizio di attività non commerciali
Cosa: Liquidazione e versamento dell’Iva relativa agli acquisti intracomunitari registrati nel mese precedente
Modalità: Modello F24 con modalità telematiche ovvero Modello F24 presso Banche, Agenzie Postali o Agenti della riscossione
Codici Tributo:
6099 – Versamento Iva sulla base della dichiarazione annuale
Contratti di locazione: registrazione e versamento imposta di registro
Chi: Parti contraenti di contratti di locazione e affitto che non abbiano optato per il regime della “cedolare secca”
Cosa: Versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazione e affitto stipulati in data 01/01/2016 o rinnovati tacitamente con decorrenza dal 01/01/2016
Modalità: Modello “F24 versamenti con elementi identificativi” (F24 ELIDE) con modalità telematiche per i titolari di partita Iva, ovvero presso Banche, Agenzie Postali, Agenti della riscossione per i non titolari di partita Iva
Codici Tributo:
1500 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Imposta di Registro per prima registrazione
1501 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Imposta di Registro per annualità successive
1502 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Imposta di Registro per annualità successive
1503 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Imposta di Registro per risoluzioni del contratto
1504 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Imposta di Registro per proroghe del contratto
1505 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Imposta di Bollo
1506 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Tributi speciali e compensi
1507 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Sanzioni da ravvedimento per tardiva prima registrazione
1508 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Interessi da ravvedimento per tardiva prima registrazione
1509 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Sanzioni da ravvedimento per tardivo versamento di annualità e adempimenti successivi
1510 – LOCAZIONE E AFFITTO DI BENI IMMOBILI – Interessi da ravvedimento per tardivo versamento di annualità e adempimenti successivi
Enti non commerciali e agricoltori esonerati: presentazione INTRA 12
Chi: Enti non commerciali di cui all’art. 4, quarto comma, del D.P.R. n. 633/1972 e produttori agricoli di cui all’art. 34, sesto comma, dello stesso D.P.R. n. 633/1972 N.B. Sono tenuti a quest’adempimento sia gli enti non commerciali non soggetti passivi d’imposta sia quelli soggetti passivi Iva, limitatamente alle operazioni di acquisto realizzate nell’esercizio di attività non commerciali
Cosa: Dichiarazione mensile degli acquisti di beni e servizi da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato effettuati dagli enti non soggetti passivi IVA e dagli agricoltori esonerati (Modello INTRA 12)
Modalità: Esclusivamente in via telematica, direttamente o tramite intermediari abilitati, utilizzando i canali Fisconline o Entratel
Imposta di bollo sugli assegni circolari: dichiarazione trimestrale
Chi: Banche ed Istituti di Credito autorizzati ad emettere assegni circolari
Cosa: Presentazione della dichiarazione relativa all’ammontare complessivo degli assegni in circolazione alla fine del trimestre solare precedente, per la liquidazione dell’imposta di bollo sugli assegni circolari
Modalità: Presentazione al competente Ufficio Territoriale dell’Agenzia delle Entrate
Presentazione della dichiarazione annuale dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale
Chi: Soggetti autorizzati a corrispondere l’imposta di bollo in maniera virtuale
Cosa: Presentazione della “dichiarazione dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale” contenente l’indicazione del numero degli atti e documenti emessi nell’anno precedente, distinti per voce di tariffa, e degli altri elementi utili per la liquidazione dell’imposta, nonché degli assegni bancari estinti nel suddetto periodo
Modalità: Esclusivamente tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, direttamente o avvalendosi di intermediari abilitati, utilizzando il modello pubblicato sul sito www.agenziaentrate.gov.it
Variazioni Colturali: Denuncia annuale delle variazioni dei redditi dominicale ed agrario
Chi: Possessori di reddito dominicale e agrario
Cosa: Presentazione della denuncia annuale delle variazioni dei redditi dominicale e agrario dei terreni verificatisi nel 2015
Modalità: Utilizzando il software Docte 2.0 oppure presentando la dichiarazione al competenete Ufficio Provinciale-Territorio dell’Agenzia delle Entrate
Comunicazione dei dati relativi alle concessioni di aree demaniali marittime
Chi: Pubbliche Amministrazioni che gestiscono il rilascio o il rinnovo di concessioni di aree demaniali marittime
Cosa: Comunicazione all’Anagrafe Tributaria, attraverso il Sistema Informativo Demanio marittimo, dei dati riguardanti le concessioni di aree demaniali marittime rilasciate o rinnovate nel 2015
Modalità: Esclusivamente in via telematica, mediante comunicazione al Sistema Informativo Demanio marittimo (S.I.D.), gestito dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti – Direzione Generale per i Porti
Soggetti IVA: Comunicazione mensile delle operazioni di acquisto da operatori economici sammarinesi annotate nei registri Iva nel mese precedente
Chi: Soggetti passivi Iva italiani che abbiano effettuato operazioni di acquisto da operatori economici aventi sede, residenza o domicilio nella Repubblica di San marino
Cosa: Comunicazione mensile delle operazioni di acquisto da operatori economici sammarinesi annotate nei registri Iva nel mese precedente
Modalità: Esclusivamente in via telematica, direttamente o tramite intermediari abilitati, utilizzando il modello disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate. N.B. La Comunicazione in questione deve necessariamente essere effettuata inviando i dati in forma analitica
Soggetti che effettuano erogazioni liberali per la realizzazione di “progetti culturali”: Comunicazione dell’ammontare e dei beneficiari delle erogazioni liberali
Chi: Soggetti che effettuano erogazioni liberali in denaro per la realizzazione di “programmi culturali” nei settori dei beni culturali e dello spettacolo
Cosa: Comunicazione al MIBAC e al Sistema Informativo dell’Agenzia delle Entrate delle proprie generalità, comprensive dei dati fiscali, dei dati relativi all’ammontare delle erogazioni effettuate nell’anno d’imposta 2015 e dei dati relativi ai soggetti beneficiari di tali erogazioni
Modalità: Esclusivamente in via telematica utilizzando il servizio telematico Entratel o Fisconline
Operatori finanziari: comunicazione mensile all’Anagrafe Tributaria
Chi: Operatori finanziari indicati all’art. 7, sesto comma, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 605 (vale a dire Banche, società Poste Italiane S.p.a., gli Intermediari Finanziari, le Imprese di Investimento, gli Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio, le Società di Gestione del Risparmio, nonché ogni altro Operatore Finanziario)
Cosa: Comunicazione all’Anagrafe Tributaria dei dati, riferiti al mese solare precedente, relativi ai soggetti con i quali sono stati intrattenuti rapporti di natura finanziaria
Modalità: Esclusivamente in via telematica utilizzando il servizio telematico Entratel o Fisconline
CAF-dipendenti: Presentazione relazione annuale
Chi: Centri di Assistenza Fiscale costituiti ai sensi dell’art. 32, comma 1, lettere d), e) e f) del D.Lgs 9 luglio 1997, n. 241 (c.d. CAF-dipendenti)
Cosa: Presentazione della relazione, relativa all’anno precedente, sulla capacità operativa e sulle risorse umane utilizzate anche in ordine alla tipologia di rapporti di lavoro instaurati e alla formazione svolta, sull’affidamento a terzi dell’attività di assistenza fiscale e sui controlli effettuati volti a garantire la qualità del prodotto, la qualità e l’adeguatezza dei livelli di servizio, sul numero di dichiarazioni validamente trasmesse all’Agenzia delle Entrate
Modalità: A mezzo PEC o a mezzo raccomandata a.r., alla Direzione Regionale dell’Agenzia delle Entrate competente in relazione alla sede legale del CAF
Opposizione a rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate le spese sanitarie sostenute nel 2015 per la predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata
Chi: Contribuenti che intendono esercitare l’opposizione a rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate i dati delle spese sanitarie sostenute nel 2015 per l’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata
Cosa: Scade il termine per esercitare l’opposizione a rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate i dati aggregati relativi ad una o più tipologie di spese sanitarie per la dichiarazione dei redditi precompilata. Per esercitare tale diritto bisogna comunicare all’Agenzia delle Entrate la tipologia di spesa da escludere, il proprio codice fiscale, gli altri dati anagrafici esposti nel modello di “opposizione” e il numero di identificazione posto sul retro della tessera sanitaria con la relativa data di scadenza. L’opposizione all’utilizzo dei dati relativi ad una tipologia di spesa comporta la cancellazione degli stessi e l’automatica esclusione anche dei relativi rimborsi.
Modalità: La comunicazione può essere effettuata: 1) inviando una e-mail alla seguente casella di posta elettronica: opposizioneutilizzospesesanitarie@agenziaentrate.it; 2) telefonando ad un Centro di Assistenza Multicanale al numero 848.800.444 da fisso, o 0696668907 da cellulare; 3) consegnando personalmente ad un qualsiasi Ufficio Territoriale dell’Agenzia delle Entrate il modello di “Opposizione all’utilizzo dei dati delle spese sanitarie per la dichiarazione dei redditi precompilata” scaricabile dal sito internet www.agenziaentrate.gov.it
Strutture sanitarie e medici: invio al sistema Tessera Sanitaria dei dati delle spese sanitarie e dei rimborsi per prestazioni non erogate o erogate parzialmente
Chi: Aziende Sanitarie Locali (ASL), aziende ospedaliere, istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, policlinici universitari, farmacie pubbliche e private, presidi di specialistica ambulatoriale, strutture per l’erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e di assistenza integrativa, gli altri presidi e strutture accreditati per l’erogazione dei servizi sanitari, gli iscritti all’Albo dei medici chirurghi e degli odontoiatri
Cosa: Trasmissione telematica al Sistema Tessera Sanitaria dei dati, riferiti al 2015, relativi alle spese sanitarie così come riportati sul documento fiscale emesso dai medesimi soggetti, comprensivi del codice fiscale riportato sulla tessera sanitaria, nonché quelli relativi ad eventuali rimborsi effettuati nel 2015 per prestazioni non erogate o parzialmente erogate, specificando la data nella quale sono stati versati i corrispettivi delle prestazioni non fruite
Modalità: Esclusivamente in via telematica secondo le modalità previste dal DPCM 26 marzo 2008, direttamente o tramite le associazioni di categoria o soggetti terzi individuati secondo le disposizioni contenute nel Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 31 luglio 2015.

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito Web acconsenti a tutti i cookie in conformità con la nostra Politica sui cookie. LEGGI L'INFORMATIVA PRIVACY

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi